Licia Pelliconi | Public speaking. Come si costruisce un TEDx talk?
Consulente di comunicazione visiva, siti web e social media. Aiuto a comunicare online in modo chiaro, efficace, coordinato e riconoscibile, e a raggiungere ogni giorno i propri utenti e obiettivi, realistici e misurabili.
comunicazione visiva, design, web, social media, content curation
21991
post-template-default,single,single-post,postid-21991,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,select-child-theme-ver-1.0.0,select-theme-ver-3.3,wpb-js-composer js-comp-ver-4.12,vc_responsive

Public speaking. Come si costruisce un TEDx talk?

 

Talk like TEDxCesena:

Ho partecipato al primo TEDxAdventure Cesena.
Un pomeriggio dedicato ad approfondire quali sono le caratteristiche di un talk e a come si costruisce.

Un workshop pratico sul public speaking per imparare a parlare in pubblico in modo sicuro ed efficace.

Organizzare un TEDx e mantenere lo standard qualitativo riconosciuto da questo tipo di conferenze è un lavoro che richiede cura, e tutta una serie di regole sia per gli organizzatori che per gli speaker.
Regole che sono un vademecum per ogni volta che ci troviamo a parlare in pubblico, o anche alla riunione con il nostro capo o i nostri colleghi e vogliamo catturare la loro attenzione e farci ascoltare.

Vediamo alcune regole.

 

Quando si ingaggia uno speaker.

Le caratteristiche di un TEDx talk:

  • l’idea è centrale
  • non deve essere autopromozionale
  • l’argomento non deve trattare di religione, politica, pseudoscenza, o controversie, in modo fazioso.
  • deve rispettare il tempo: 15 minuti il limite max,
  • è free (non è pagato, in alcuni casi vengono riconosciute solo spese di trasferta)

 

Come scegliere uno speaker?

  • In base a cosa vuole raccontare
  • Deve essere raggiungibile, un percorso di incontri e confronti costanti
  • TEDxable (deve conoscere e condividere la filosofia TEDx, che sia capace, non noioso, abbia dimestichezza a parlare in pubblico).

 

ted-talks

 

La costruzione di un talk può essere di 3 tipologie:

 

  1. Informativo
  2. Persuasivo
  3. Inspiring, ispirazionale > l’audience se lo ricorderà

 

Arco narrativo.

come si costruisce un discorso?

  1. Un amo, un’esca, i primi istanti sono i più importanti (una domanda, una citazione..es. siete curiosi di sentire la mia storia?)
  2. La sfida (challenge), raccontare la propria sfida e come l’abbiamo risolta (deve risuonare, richiamare le emozioni che tutti proviamo)
  3. L’idea brillante, l’intuizione che ci è venuta per risolvere la sfida.
  4. Il Come l’abbiamo messa in pratica
  5. L’impatto
  6. La conclusione ( è una call to action) ricollegare il talk all’inizio per chiudere il cerchio narrativo, dovrà essere la parte più corposa e importante, quella che lascerà nell’audience il ricordo.

 

Consigli pratici di esposizione:

 

  • Scegli qualcuno e guardalo
  • Usa linguaggi semplici, racconta come se parlassi con un bambino di 3 anni
  • Ripetilo, ripetilo, ripetilo, non memorizzare, ripetilo 100 volte
  • Rilassati

 

E ricorda:

Le persone vogliono sentire quello che hai da dire e goderne.
Non ti ascoltano per giudicare.
Le persone vogliono che tu abbia successo.

 

Esperimento.

E ora prova tu a rispondere, così come abbiamo sperimentato noi durante il workshop, con un esercizio:

  1. Perché (facciamo le cose che facciamo)?
  2. Nocciolo del messaggio (cosa le persone dovrebbero sapere?)
  3. Cosa si deve portare a casa l’audience e cosa noi?

 

E in ultimo l’insegnamento che ti porterai a casa da ogni talk è:

Il feedback

 

Il feedback, positivo o meno non è mai critico ma è sempre costruttivo.

 

 

No Comments

Rispondi